Un po’ di dati aggiornati sul Black Friday (che in Francia vogliono vietare)

A Parigi sono convinti che il Black Friday, il venerdì nero degli acquisti, (negli Stati Uniti tradizionalmente la giornata più importante per lo shopping) sia una pratica che inganna i consumatori, facendogli credere di poter beneficiare dei saldi anche al di fuori dei periodi regolamentati per legge, e che danneggia anche l’ambiente. Ne sono talmente convinti che l’ex ministra dell’Ambiente, Delphine Batho, e i deputati della commissione per lo Sviluppo sostenibile dell’Assemblea nazionale francese hanno presentato una proposta di legge che  prevede sanzioni pesanti per chi sgarra: con pene fino a 2 anni di carcere e 300 mila euro di multa. L’obiettivo è inserire il Black Friday e le sue promozioni tra le “pratiche commerciali aggressive”.

L’iter parlamentare. Il progetto di legge definito “contro gli sprechi e per l’economia circolare” potrebbe stoppare la pratica commerciale in Francia, ovviamente solo dopo l’approvazione da parte dall’assemblea parlamentare, che ne inizierà l’esame dal 9 dicembre, e non si applicherà dunque al Black Friday del 29 novembre 2019. In attesa che Parigi prenda una decisione, il resto del Mondo scalda carte di credito e scorre furiosamente sugli eCommerce alla ricerca dell’oggetto dei desideri. Vediamo un po’ di dati.

LEGGI ANCHE: Black Friday: 20,5 milioni di italiani faranno acquisti online (secondo eBay)

Lo studio internazionale

La società di consulenza Oliver Wyman ha condotto un sondaggio online in 12 paesi, intervistando 23.228 persone, di cui 12.296 prevedono di fare acquisti quest’anno durante il Black Friday – CyberMonday. In Italia sono state intervistate 1.249 persone di cui 1.006 hanno dichiarato che prevedono di partecipare al Black Friday – Cyber Monday.

Che cosa si compra. Più della metà degli italiani compra durante il Black Friday articoli che sono da tempo nella lista dei desideri, con un forte interesse per i prodotti elettronici a prezzi particolarmente convenienti. I consumatori si aspettano sconti per almeno il 50% e se l’articolo che stanno cercando non è in offerta o non è sufficientemente scontato, solo il 12% degli italiani procederà comunque all’acquisto.

Evento radicato. In Italia il Black Friday è diventato un evento radicato: la ricerca rivela che quasi il 90% degli italiani parteciperà e, di questi, l’83% ha già partecipato in passato all’appuntamento.
Ma cosa cercano gli Italiani? La polarizzazione è chiara su alcune categorie non-food: dispositivi elettronici (per il 75% degli intervistati), seguiti da abbigliamento e calzature (56%) ed elettrodomestici (35%). In più della metà dei casi emerge una vera e propria pianificazione della spesa. Vi è comunque una forte componente di acquisto di impulso: il 40% dichiara che deciderà sul momento, probabilmente se attirato da un forte sconto.

Tutti in Rete. Il canale online emerge chiaramente come il vincitore di questo appuntamento: è qui infatti che i consumatori italiani concentreranno la loro attenzione. Il 70% di loro utilizzerà esclusivamente il canale online, dove si aspetta di trovare sconti più elevati (per 3 intervistati su 4) rispetto ai negozi fisici. Difficile dire se questo corrisponderà effettivamente alla realtà, ma rappresenta sicuramente la percezione dei consumatori, e quindi il contesto nel quale i retailer devono giocare la propria partita.

Amazon addicted. Gli Italiani inoltre percepiscono l’evento come estremamente legato al brand di Amazon: l’80% degli intervistati ha l’impressione che l’azienda di Seattle sia quella che lo pubblicizza.

I dati di Confcommercio sulla moda

In vista del Black Friday “c’è fermento nel settore moda perché si avvicina il Natale e torna la voglia di shopping” fanno sapere da Confcommercio, secondo cui “il Black Friday è un’occasione per i consumatori che potranno permettersi un acquisto in più in una sola giornata di shopping scontato generando un incremento medio delle vendite del 42%”. In Italia aderiranno oltre 35 mila negozi di moda.

I consumatori. Secondo l’associazione di consumatori Codacons quest’anno il giro d’affari salirà a 2 miliardi di euro, con un +20% sul 2018. La parte del leone la farà ancora una volta l’eCommerce, con 1,4 miliardi di euro di transazioni online, e in totale saranno coinvolti circa 17 milioni di italiani, con un aumento del +13% di acquirenti rispetto allo scorso anno e una spesa procapite che si attesterà sui 117 euro. In base alle stime dell’associazione, quest’anno un regalo di Natale su 3 sarà acquistato proprio durante questa settimana. 

Source: marketing

× How can I help you?