Non chiamatela ricerca vocale. La Voice Technology detterà il futuro del Digital Marketing

  • È in atto una rivoluzione comportamentale legata alla voce che riguarda device fisici, intelligenza artificiale e machine learning
  • La novità riguarda anche lo shopping online: gli utenti preferiscono fare acquisti tramite ricerca vocale
  • Anche i brand utilizzano la voce come mezzo per comunicare. A loro spetta il compito di elaborare strategie di marketing creativo

___

Nella maggior parte dei casi quando si parla di voce applicata al mondo digital, si tende a pensare automaticamente al mondo della ricerca vocale.

Ma è importante notare come la voce sia al centro di una vera e propria rivoluzione comportamentale degli utenti.

Sta cambiando sempre più velocemente il modo in cui gli utenti interagiscono con la rete. Questo cambiamento comportamentale ci da sicuramente delle indicazioni sul fatto che stanno cambiando le regole e conseguentemente il modo in cui dovremmo approcciarci ai canali di digital marketing.

Per questo è importante parlare di voice technology, ovvero la possibilità di interazione tra uomo e macchine attraverso la voce.

Oggi l’impatto della voice technology è ampissimo e riguarda non solo i device fisici ma anche intelligenza artificiale, machine learning e tutto l’ecosistema delle app vocali disponibili.

Una tecnologia che sta diventando sempre più sofisticata ma al tempo stesso anche semplice per chi la utilizza e che sta modificando i comportamenti degli utenti.

Negli stati Uniti circa 6,4 milioni di americani hanno uno smart speaker. In Italia la penetrazione nel mercato è ancora al 13% ma in crescita, con un netto vantaggio degli utilizzatori di Amazon Alexa, circa il 53% rispetto al 43% che utilizza Google Home.

Secondo una ricerca di Statista l’82% di chi possiede un dispositivo smart speaker tendenzialmente ricerca informazioni su meteo, notizie, ricette, appuntamenti, offerte e circa il 67% riproduce musica e video in streaming.

Voice technologyVoice technology

Ma c’è una importante percentuale circa il 35%, che utilizza gli smart speaker per effettuare acquisti e per chiedere supporto ai brand.

Tendenzialmente quindi possiamo affermare che gli assistenti vocali piacciono molto agli utenti perché:

  • facilitano il multitasking
  • permettono di svolgere le attività più velocemente
  • consentono di ottenere risposte immediate a richiesta di informazioni
  • semplificano la routine quotidiana

Se state pensando di adottare la voice technology nelle vostre strategie di marketing, ecco quattro interessanti approfondimenti.

1. Gli utenti iniziano ad utilizzare la ricerca vocale per fare acquisti

Forse è ancora presto per parlare di vero e proprio voice commerce, ovvero di ad esperienze di acquisto interamente ottimizzate all’utilizzo della voce, ma i dati che emergono sono sicuramente molto interessanti.

Secondo alcune previsioni il voice commerce toccherà 40 miliardi di dollari entro il 2022. Marchi globali come Starbucks, Domino’s, Johnnie Walker e Nestlé hanno già iniziato a integrare la tecnologia vocale nelle loro strategie di marketing per creare una migliore connessione con i clienti.

2. Uno strumento creativo di content marketing

Il voice marketing crea una connessione personale tra brand e potenziali clienti. Dopotutto, la voce è sicuramente il modo più naturale di comunicare. Spetta ai brand elaborare strategie di marketing creativo che utilizzi la voce come qualsiasi forma di content marketing.

Bisogna assicurarci ovviamente che il voice marketing sia in linea con la mission del nostro marchio per risolvere i problemi dei clienti e rispondere alle loro domande.

Di recente Oreo ha utilizzato Alexa per lanciare un nuovo gusto dei suoi biscotti attraverso il contest “Mystery Oreo”, un gioco a indizi (ottenibili anche attraverso Alexa) in cui chi indovina il gusto può vincere 50.000 dollari.

3. La tecnologia vocale sta cambiando il volto della SEO

Altro motivo per cui è importante per le aziende integrare la voice technology nelle strategie di marketing è perché la ricerca vocale sta radicalmente cambiando le pratiche SEO.

Gli utenti infatti interagiscono con le query in maniera differente rispetto a quando vengono effettuate ricerche testuali. Le query vocali tendono ad essere più lunghe delle ricerche testuali e per questo possono essere incorporate parole più lunghe nei nostri contenuti.

Allo stesso modo le ricerche vocali tendono ad essere effettuate ponendo delle domande complete. In questo modo le aziende possono iniziare ad utilizzare delle parole chiave pertinenti che vanno ad intuire realmente cosa i potenziali clienti potrebbero chiedere.

Altro modo in cui la ricerca vocale influirà sulla SEO è la crescente importanza della SEO locale, perché tantissime delle ricerche quotidiane che vengono effettuate vocalmente attraverso dispositivi mobile hanno come intento quello di individuare un’azienda o un’attività commerciale nelle vicinanze.

Ricerca vocale e per immagini: Ok GoogleRicerca vocale e per immagini: Ok Google

4. I grandi marchi stanno facendo da apripista

Alcuni grandi marchi stanno aprendo la strada con il marketing vocale ecco ad esempio alcune ispirazioni utili di come stanno integrando le strategie vocali:

  • la tequila Patron aiuta i consumatori ad accedere a ricette di cocktail personalizzate
  • Domino’s consente agli amanti della pizza di ordinare comodamente dal proprio divano senza dover alzare il telefono o effettuare un ordine online
  • Gli utenti PayPal possono coinvolgere Siri per inviare denaro ad amici, familiari o aziende
  • Nestlé ha creato una skill che fornisce istruzioni vocali durante la cottura
  • Tide fornisce consigli sulla rimozione di macchie causate da oltre 200 sostanze diverse
  • Campbell’s ha una skill che aiuta i consumatori affamati a scegliere e cucinare ricette

Man mano che la voice technology continuerà a crescere e ad essere più popolare tra le persone, diventerà sempre più importante per le aziende di tutte le forme e dimensioni tener conto di una strategia di ricerca vocale nel loro piano di digital marketing.

Source: marketing

× How can I help you?