Week in Social: dallo stop ai deepfake su Facebook alle novità su TikTok

Rullo di tamburi e via… Buon 2020 a tutti! Non può essere un anno felice senza l’aggiornamento per eccellenza: ecco che ritorna, più social che mai, la rubrica Week in Social. Ne sentivate la mancanza parlare da tropp, vero?

YouTube e la musica

“Buongiorno amante della musica,

A volte potrebbe capitare che l’artista che vuoi seguire su YouTube abbia più canali e non sai a quale iscriverti.

Per aiutare i fan, abbiamo collaborato con gli artisti per riunire i loro brani, album e video in un unico canale ufficiale dell’artista.

Le iscrizioni e le notifiche verranno presto trasferite sui canali ufficiali dell’artista e potrai gestire le iscrizioni a questi canali come qualsiasi altra iscrizione. Le attuali iscrizioni ai canali secondari degli artisti verranno disattivate.

Con un solo canale a cui iscriversi, sarà più facile per te seguire i tuoi artisti preferiti e la loro musica. Ulteriori informazioni

YouTube Music Team”.

 

Sì, cari amici Ninja, alcuni di voi qualche giorno fa si saranno svegliati così, con questa news arrivata tramite mail. YouTube vi vuole bene e vi semplifica la vita.

Messenger vuole il tuo profilo

Noi di Ninja ve ne abbiamo già parlato abbondantemente: il 26 dicembre, Facebook ha rimosso l’opzione per registrare un account Messenger senza un profilo Facebook attivo

LEGGI ANCHE: Facebook rimuove l’opzione per creare un account Messenger senza un profilo sul social

Daria D’Acquisto ci informa che: “Facebook ha introdotto per la prima volta la possibilità di iscriversi a Messenger senza un account Facebook nel 2015, con l’obiettivo principale di consentire alle persone nelle regioni in cui Facebook potrebbe non essere facilmente accessibile, sia a causa delle limitazioni della rete che delle normative governative, di utilizzare la sua app di messaggistica dedicata”.

Il cambiamento fa parte, probabilmente, del più ampio processo del social network verso un sistema di messaggistica integrato, che alla fine consentirà agli utenti di comunicare tra Instagram, Messenger e WhatsApp indistintamente. Ciò potrebbe fornire vantaggi significativi per Facebook, che ha visto importanti aumenti nell’attività di messaggistica

Facebook e il potere delle app

Come fare ad “eliminare” TikTok? Sicuramente è il cruccio attuale di Mark. Stando a quanto pubblicato da SensorTower, le prime cinque app più scaricate sono tutte appartenenti al gruppo Facebook. Avevamo dubbi? Assolutamente no.

Un bel risultato quello di avere (quasi) il monopolio dei social, ma come fare con quel TikTok sempre più presente e sempre più diffuso? Ve lo abbiamo anticipato qualche mese fa e torniamo a dirvelo: ci aspettiamo da un momento all’altro funzionalità in grado di annientare il social del momento.

Che ne pensate?

Basta deepfake!

Facebook, sì ancora lui, dice no. Dopo aver scomodato più di 50 tra i massimi tecnici del settore, cerca e vieta i deepfake.

video_facebookvideo_facebook

È il momento di dire basta a tutti quei video manipolati dall’intelligenza artificiale: Facebook prende le distanze dalla tecnica per la sintesi dell’immagine umana basata sull’intelligenza artificiale, usata per combinare e sovrapporre immagini e video esistenti con video o immagini originali.

Limitarne i contenuti è la sua missione principale e bloccarne la distribuzione: si mira sempre di più ai contenuti di qualità.

TikTok e i dati

A proposito di nuovi social è proprio TikTok che fa parlare di sé: lo sapete che proprio quest’ultima app è al centro di numerose discussioni?

Necessario, in questo caso, un aggiornamento. Ancora intenti illegali e procedimenti dubbi. Ma ora, tutto risolto. A dirlo, proprio TikTok:

“Check Point ha riconosciuto che tutte le criticità segnalate sono state corrette nella versione più recente dell’app prima ancora di essere rese pubbliche – dice Luke Deshotels del Security Team di TikTok – Non ci risultano modalità di accesso anomale che indicano si sia verificato un attacco o una violazione”.

Source: marketing

× How can I help you?