Pinterest Ads: consigli e strategie per ottimizzare le tue campagne

  • Pinterest è un importante strumento per accompagnare gli utenti dall’ispirazione all’acquisto;
  • Quest’anno il social è cresciuto del 29% in Italia, raggiungendo 12 milioni di visitatori unici mensili;
  • Prima i brand riusciranno a raggiungere gli utenti giusti e meglio sarà per la loro notorietà.

 

Pinterest diventa sempre più importante per i brand che vogliono comunicare e vendere i loro prodotti e servizi. Il canale attira un pubblico con un forte intento all’acquisto e allo stesso tempo genera engagement. Il tutto è condito con la parola che caratterizza il social network: ispirazione.

Il 90% degli utenti afferma di accedere alla piattaforma in cerca di idee su cosa fare e su quali prodotti comprare.

Ormai le persone usano Pinterest ogni giorno, per prendere decisioni quotidiane come la preparazione di ricette, per ispirarsi durante i momenti importanti della vita come il matrimonio o l’arredamento di una nuova casa, o durante i cambi di stagione per scegliere le scarpe da comprare.

Pinterest in Italia

Secondo il Report Digital 2020 di We Are Social e Hootsuite quest’anno Pinterest è cresciuto del 29% in Italia, raggiungendo 12 milioni di visitatori unici mensili. Il 64% sono donne, mentre il restante 36% sono uomini. Gli utenti maggiormente coinvolti comprendono la fascia d’età 16-54 anni.

Prima i brand riusciranno a raggiungere gli utenti giusti e meglio sarà per la loro notorietà, ma soprattutto per il loro ROAS (Return on Advertising Spend).

Prima della campagna

Per impostare una campagna su questo social, prima di tutto bisogna installare il tag di Pinterest. Grazie al pixel si possono monitorare le azioni dei visitatori sul sito (quindi capire l’efficacia delle sponsorizzazioni) e utilizzare questi cluster di retargeting per ottimizzare le campagne.

Qui sotto tutte le attività che è possibile tracciare:

  • PageVisit
  • ViewCategory
  • Search (ricerche sul tuo sito web)
  • AddToCart
  • CheckOut
  • visualizzazioni del video
  • Signup
  • Lead
  • Custom (un evento personalizzato che vuoi tracciare)

pinterestpinterest

Awareness

Inizialmente i potenziali consumatori si trovano in una fase di scoperta e ispirazione. Una volta che hanno le idee più chiare su cosa stanno cercando è il momento di intervenire, costruendo consapevolezza intorno al brand e prodotto/servizio che si vuole proporre. Questo accade in media dopo 14 giorni.

In questa fase è importante anche mantenere la notorietà del brand. Chi ha iniziato a seguire e a salvare i tuoi pin probabilmente continuerà a manifestare interesse in futuro. Per questo è utile controllare il più possibile le performance dei post.

Il consiglio è quello di aumentare l’offerta per i pin che registrano i dati migliori e di stoppare quelli con le prestazioni peggiori. Inizia con 2 o 4 pin con lo stesso tema per capire quali sono i contenuti creativi che funzionano meglio. Ottimizza le campagne aggiungendo un Pin nuovo ed eliminando a rotazione quello che ha avuto la performance peggiore nel gruppo di annunci.

L’obiettivo brand awareness aiuta le persone a scoprire i prodotti o servizi che offri. Mentre l’obiettivo visualizzazioni del video può essere utile se vi è la necessità di far vedere come indossare un prodotto o per raccontare meglio un servizio.

LEGGI ANCHE: Cosa sapere su Pinterest100 e i trend da seguire per il 2020 sul social

Metriche principali

Le metriche principali da monitorare per valutare le prestazioni dei pin nella parte più alta del funnel:

  • Copertura e frequenza
  • Impression
  • Visualizzazioni del video

Formati consigliati

I formati consigliati per l’awareness:

  • Pin statico sponsorizzato
  • Video standard (dai 6 ai 20 secondi massimo; mostrare il brand nei primi 3 secondi)
  • Video di massima larghezza (dai 6 ai 20 secondi massimo; mostrare il brand nei primi 3 secondi)
  • Carosello (si possono inserire massimo 5 card)

Posizionamenti

Per tutti gli obiettivi il suggerimento è di presidiare entrambi i posizionamenti:

  • Feed
  • Ricerca

Tipo di offerta

Per l’awareness i tipi di offerta da tenere in considerazione sono CPM (per campagne di notorietà del brand) e CPV (per campagne in ottica di visualizzazioni del video).

Misurazioni

Consideration

Dopo aver conquistato l’attenzione dei potenziali clienti, puoi invitarli a dare un’occhiata al tuo sito, per convincerli a comprare il tuo prodotto/servizio. In questa fase è importante monitorare tutte le azioni che i visitatori effettuano una volta dentro al tuo e-commerce, per ottimizzare sempre più le campagne e accompagnare gli utenti verso la parte più bassa del funnel.

Nella parte intermedia del percorso d’acquisto, puoi selezionare “traffico” se il tuo obiettivo è aumentare il traffico su o al di fuori di Pinterest. Oppure puoi optare per “installazione app“.

Metriche principali

Le metriche principali da monitorare per valutare le prestazioni dei pin nella parte media del funnel:

  • Clic
  • CTR
  • Azioni qualificate sul sto web
  • Installazione dell’app

Formati consigliati

I formati suggeriti per la consideration:

  • Pin statico sponsorizzato
  • Pin di app video
  • Pin carosello (si possono inserire massimo 5 card)
  • Video standard (dai 6 ai 20 secondi massimo; mostrare il brand nei primi 3 secondi)

Posizionamenti

I posizionamenti da presidiare:

  • Feed
  • Ricerca

Tipo di offerta

  • CPC
  • oCPM

Misurazioni

pinterestpinterest

Conversion

Dopo aver raggiunto un certo numero di risultati grazie al traffico portato sul sito (almeno 50 eventi tracciati sul sito a settimana) puoi creare campagne con obiettivo conversione e ottimizzarle per far compiere azioni specifiche agli utenti, come l’aggiunta al carrello o l’acquisto.

Prima di procedere è necessario assicurarsi di tracciare correttamente almeno un evento tra checkout, aggiungi al carrello, iscrizione o lead.

Il consiglio è di partire con un CPA del + 10-15% rispetto al solito per vincere più aste e raccogliere dati significativi. Il budget giornaliero dovrebbe essere 3.5 volte tanto il tuo CPA target (costo per azione ottimale). Infine assicurati di includere due finestre di attribuzione: una per il coinvolgimento e una per la visualizzazione. Considera per entrambi un periodo di 30 giorni.

Grazie ai cataloghi commerciali (per provarli in Italia contatta il tuo referente Pinterest) puoi aiutare i potenziali clienti a scoprire tutti i prodotti del tuo sito, mentre navigano sul social.

LEGGI ANCHE: Come creare annunci su Pinterest: guida base per iniziare

Metriche principali

Le metriche principali da tenere sotto controllo:

  • ROAS
  • Aumentare le vendite incrementali

Formati consigliati

I formati consigliati se vuoi vendere prodotti/servizi:

  • Pin statico sponsorizzato
  • Pin carosello (si possono inserire massimo 5 card)
  • Video standard (dai 6 ai 20 secondi massimo; mostrare il brand nei primi 3 secondi)

Posizionamenti

I posizionamenti da includere:

  • Feed
  • Ricerca

Tipo di offerta

  • CPC
  • oCPM

Misurazioni

Target

Possiamo dividere il targeting di Pinterest in tre aree principali: per interessi, per parole chiave e targeting di pubblico.

Interessi

Proponi i tuoi annunci agli utenti in base ai loro interessi mentre stanno curiosando sul canale. Insieme al target per parole chiave, è fondamentale per raggiungere più persone possibili.

Parole chiave

Raggiungi persone già interessate al prodotto/servizio che offri, sulla base delle ricerche che effettuano. Avrai più probabilità di aumentare le vendite, il traffico e l’interazione. Puoi selezionare funzioni come i tipi di corrispondenza e parole chiave a corrispondenza inversa. Grazie al report sui termini di ricerca puoi ottimizzare ulteriormente le tue strategie.

Su Pinterest gli utenti possono fare ricerche attraverso le immagini, le parole, o entrambe. Le ricerche accompagnano gli utenti dal primo momento in cui cercano ispirazione, fino al momento dell’acquisto. Ciò spiega perché questo targeting è utile per tutte le fasi del funnel di marketing.

Esiste una sezione dell’account chiamata “keyword generator“, che per ora è solo per uso interno a Pinterest.

Targeting di pubblico

Il targeting di pubblico permette di proporre gli annunci a persone più propense a effettuare delle azioni.

È possibile creare un pubblico dedicato a coloro che hanno interagito con i tuoi pin su Pinterest, uno per chi ha visitato determinate pagine o fatto azioni sul tuo sito web e nulla ti vieta di caricare un elenco clienti.

Dopo aver individuato i cluster più performanti, è importante orientare le campagne verso audience simili a questi segmenti di pubblico per intercettare nuovi potenziali consumatori.

Ottimizzazione

Dopo aver creato la tua strategia, attivato le campagne e fatto trascorrere il tempo giusto per valutare i risultati, puoi dedicarti all’ottimizzazione.

Testa nuovi target e stoppa quelli meno performanti. Allo stesso modo procedi con i contenuti creativi. Infine sposta il budget nei gruppi di annunci con le prestazioni migliori.

Source: marketing

× How can I help you?