Cosa ci racconta l’ultima campagna firmata Sephora sui nuovi modelli di bellezza

  • Pochi mesi fa Sephora e BETC hanno lanciato una nuova campagna dedicata alla bellezza inclusiva;
  • Per la campagna, Jonas Lindstroem ha girato uno spot cinematografico, la fotografa Nadine Ijewere ha realizzato 12 meravigliose stampe in stile pop ed è stata coinvolta anche Rihanna.

 

The unlimited power of beauty è la nuova campagna dedicata alla bellezza individuale, autentica e senza standard, lanciata da Sephora e BETC lo scorso febbraio. Una campagna multicanale diversa dal passato, diffusa su tutti i media digitali e tradizionali, come cinema, TV, stampa e social media che offre una visione forte, ambiziosa e onnicomprensiva della bellezza” come ha affermato il fondatore, presidente e direttore creativo dell’agenzia Rémi Babinet.

Il concetto di bellezza, infatti, è notevolmente cambiato nel tempo: non è più rappresentato dell’ideale delle riviste patinate e delle passerelle, dalle taglie e dai filtri, ma dai selfie degli influencer e degli amici che seguiamo ogni giorno sui nostri profili social. Una bellezza senza giudizio, dove ognuno ha il potere e il diritto di sperimentare ciò che vuole, ma anche una bellezza senza limiti che è presente, in modo differente, in tutte le persone che ci sono al mondo. nuova campagna sephoranuova campagna sephora

The Unlimited Power of Beauty: lo spot di BETC e Jonas Lindstroem

Per evidenziare la posizione di Sephora, BETC e Jonas Lindstroem hanno deciso di girare un potente spot cinematografico, diverso dai precedenti, che racconta la storia di una donna che riflette sul concetto di bellezza, ripercorrendo la propria vita. Una donna che cresce, affronta e impara ad abbracciare la sua unicità, mentre il suo aspetto si modifica nel tempo.

Sulle note toccanti della melodia “I’m Not in Love” della violoncellista Kelsey Lu, si susseguono le immagini toccanti della protagonista: dai primi esperimenti con il trucco, alle classiche paranoie sul proprio aspetto fisico, al desiderio di emulare le proprie amiche, alle guance inzuppate di mascara per le lacrime di dolore, fino all’evidenza dei primi segni della vecchiaia, quando inizia a sentirsi indesiderata di nuovo. Il video si conclude con una frase “la forza di essere me”. 

A tal proposito Sephora afferma che: la bellezza è forza, è accettazione, è nelle nostre mani. Non è uno standard, ma uno strumento di potere che consente di affermare e amare noi stessi all’interno della società. Inoltre, ognuno di noi ha la facoltà di interpretare ed incarnare il concetto di bellezza come meglio crede.

bellezza inclusiva sephorabellezza inclusiva sephora

LEGGI ANCHE: Da H&M a Gucci, sempre più brand abbracciano la rivoluzione del Body Positive

La sfida di Jonas Lindstroem, in questo spot, è stata quella di comprendere le sfumature della prospettiva della donna e rappresentarle con la giusta sensibilità, attingendo dalle proprie esperienze di vita quotidiana. In questo spot, infatti, non si è limitato a raccontare la classica storia pubblicitaria della vita felice e perfetta, ma ha preferito mettere in luce gli alti e bassi, i dubbi, le gioie e i dolori che attanagliano tutte le donne. Una campagna universale nel suo cast, ma anche molto intima nel tono e nelle immagini. 

Florence Bellisson, presidente responsabile della creazione di BETC Etoile Rouge, afferma che:

La bellezza si evolve e non ha più standard. Volevamo mettere in scena una forma di veridicità, da cui la scelta di questo cast e di questi talenti. Questa campagna è allo stesso tempo molto completa e molto Sephora perché combina autenticità, emozione ma anche gioia. Questa nuova visione mira a costruire l’impronta culturale di Sephora.

The Unlimited Stories riprendono il concetto di bellezza senza confini

Sephora unlimited storiesSephora unlimited stories

Ma non è finita qui: Sephora ha arruolato anche la fotografa britannica Nadine Ijewere per rappresentare un concetto di bellezza che non dipende da uno stereotipo di età, sesso, etnia, taglia o stile. È così che nascono le 12 stampe della serie, in stile pop, dedicate alle categorie delle fragranze, del make up e della skincare. 

Lo stesso concetto è ripreso anche all’interno delle Unlimited Stories, mini video-storie che raccontano il Beauty Power insito in alcune persone. Ad esempio, in evidenza è possibile trovare la storia di Adual Cole, una ragazza ventenne australiana di Melbourne, che aveva difficoltà nel trovare del make up adatto alla sua pelle, ma da quando ha scoperto i prodotti di Sephora ha potuto esprimere la sua creatività

C’è anche la storia di Irka, una ragazza russa di venticinque anni dai capelli cortissimi, che non ama truccarsi, ma si prende cura della propria pelle: 

Infine, tra le Unlimited Stories c’è anche quella di un uomo, Ezra Mabengeza, sud africano di quarantacinque anni che crede che essere belli significhi essere naturali.

LEGGI ANCHE: Da Mattel a LEGO, l’inclusività si insegna attraverso i giocattoli

Cosa ne pensano le fondatrici dei grandi marchi di make-up?

Sephora ha invitato alcune famose imprenditrici, che hanno creato una propria linea di make up, ad unirsi alla campagna “the unlimited power of beauty”, esprimendo la propria opinione in merito. 

Rihanna, ad esempio, non è solo una famosa cantante, ma anche la fondatrice del marchio Fenty Beauty, una linea make-up inclusiva, rispettosa delle caratteristiche di qualsiasi tipologia di incarnato e capace di soddisfare tutte le donne del mondo. La sua vision:

Il make-up deve divertire e non essere un obbligo, né dare l’impressione di essere un uniforme. Sentiti libera di cogliere delle opportunità, di correre dei rischi, di osare qualcosa di nuovo o diverso!

Le gemelle Jean & Jane Ford, invece, hanno fondato il marchio Benefit Cosmetics, con il desiderio di regalare il sorriso a ogni donna. Il loro motto? “La risata è il migliore dei cosmetici!” L’idea delle Ford è stata quella di creare dei prodotti innovativi, dal packaging divertente e dai nomi irriverenti, che fossero soluzioni istantanee di bellezza per tutte

Anche Huda Kattan, influencer e fondatrice del marchio Huda Beauty cerca di infondere tutto il suo know-how in termini di bellezza, invitando le donne a sperimentare i suoi prodotti, nel rispetto del proprio stile. Cercando di dare risposta alla domanda “Cos’è la bellezza?” risponde: “può cambiare il modo in cui le donne si percepiscono. Credo che una donna sicura di sé possa conquistare il mondo!”

LEGGI ANCHE: Il body shaming raccontato con l’esempio dell’ultima campagna di Calvin Klein

The beauty board: carica il tuo look preferito

Il progetto di bellezza di Sephora, in realtà, ha avuto inizio molti anni fa: nel 2014 il famoso brand di cosmetici ha lanciato The beauty board”, una nuova piattaforma social in stile Pinterest che consente agli utenti di caricare immagini dei propri look preferiti all’interno della Community e di “acquistare il look” di altre persone.

the beauty boardthe beauty board

In altre parole, se apprezzi la resa di un particolare make up su un utente, puoi immediatamente aggiungere il prodotto utilizzato nel carrello virtuale. Attualmente sono tantissime le foto caricate: immagini di donne di tutte le età e di tutte le etnie, sono fonte di ispirazione per molti membri della Community.

Source: marketing

× How can I help you?