Empatia, genuinità e centralità del cliente: gli ingredienti delle tue prossime newsletter

  • Durante i giorni di quarantena abbiamo assistito ad un approccio più empatico e genuino da parte dei brand nelle loro comunicazioni tramite email.
  • L’email marketing deve trasformarsi da strumento puramente transazionale a strategia per instaurare un dialogo più diretto e profondo con i nostri clienti.
  • Informazioni di valore, contenuti reali, ascolto dei bisogni dei nostri clienti sono approcci che possiamo utilizzare anche in futuro con i nostri iscritti alle newsletter.

 

In periodi di estrema incertezza, come quello che abbiamo vissuto a causa del Covid-19, anche strategie di comunicazione come l’email marketing hanno assunto toni più empatici e vicini ai clienti. Una buona pratica che sarebbe utile seguire non solo durante le emergenze.

Abbiamo così dato uno sguardo da vicino a come le aziende sono rimaste in contatto con i loro iscritti durante questo periodo attraverso uno dei canali più potenti che hanno a disposizione per dialogare con i propri clienti: le email.

Sono tantissimi i brand, dai più piccoli ai più grandi, che hanno creato newsletter per aiutare gli abbonati, distrarli o fornire informazioni utili su ciò che hanno attuato per garantire la sicurezza di clienti e dipendenti. Ecco alcuni casi che potrebbero essere un valido esempio per avere un approccio più genuino nelle nostre newsletter anche in futuro.

Opumo: supporta i brand di moda e design indipendenti

La piattaforma eCommerce OPUMO vende marchi di moda e design emergenti. Prodotti provenienti da tutto il mondo che sono significativi nel modo in cui uniscono forma, funzione e stile.

Durante queste ultime settimane Opumo ha voluto supportare brand di moda e design emergenti per sensibilizzare i suoi utenti a comprare meno oggetti, ma di qualità più alta.

Ha cosi selezionato alcuni brand indipendenti che si differenziano per i loro prodotti unici, facendoli conoscere ai loro iscritti e proponendo dei codici sconto interessanti da riscattare direttamente sul sito del produttore.

Opumo ha voluto in particolar modo porre l’attenzione verso quei brand che lottano contro i consumi di massa e che privilegiano materiali riciclati, plastic free e che si impegnano a ridurre gli scarti di lavorazione

Cosa si può imparare da questa newsletter: Opumo è consapevole del fatto che in momenti come questi di grande cambiamento, può cercare di sensibilizzare i propri iscritti a consumi consapevoli per rispettare l’ambiente e supportare i piccoli brand.

Velasca: svela il lato umano del brand

In questi mesi di quarantena la cosa che ha incuriosito di più gli utenti di tutto il mondo è stata la possibilità di entrare nelle vite e nelle case degli altri, attraverso soprattutto i social.

C’è chi però come Velasca, marchio italiano di calzature, ha reso ancora più umano il brand attraverso la newsletter.

LEGGI ANCHE: Social Media Marketing per ripartire: come continuare e quali strategie adottare

Una delle loro newsletter più curiose è stata quella “notizie dalle case Velasca”. Una newsletter atipica, dove non si proponeva nulla all’utente, ma semplicemente si illustrava attraverso foto reali, come stavano trascorrendo la quarantena i loro dipendenti e i loro artigiani delle calzature, alle prese con il lavoro in smart working e la quotidianità in casa.

Cosa possiamo imparare da questa newsletter: la comunicazione ai tempi del Covid-19 ha fatto emergere la vera essenza dei brand. Il loro modo di comunicare in maniera semplice e reale con i propri clienti. Questo esempio di Velasca è perfettamente calzante per capire come rendere un marchio più “umano” e più vicino agli utenti in maniera semplice, simpatica ed empatica.

Grandmother: nella newsletter divertenti attività da fare in casa con i più piccoli

Il brand di bijoux artigianali Made in Italy Grandmother, ha proposto ai propri iscritti alla newsletter, durante il periodo della Festa della Mamma, un simpatica attività sia da realizzare in famiglia tra mamme e bimbi, ma anche un pensiero da regalare e inviare a mamme lontane durante la quarantena.

Un’illustrazione da scaricare gratuitamente e da colorare abbinata anche ad uno sconto del 50% sul secondo articolo per l’acquisto di due braccialetti portafortuna.

 

Un modo per portare divertimento, spensieratezza legandola anche ad una promozione per un pensiero speciale per la propria mamma.

Cosa possiamo imparare da questa mail: l’aspetto principale di questa mail è la comprensione del momento. Il brand ha immaginato come alcune delle sue clienti (appunto mamme) potessero trovare divertente fare delle attività ludiche con i propri bimbi durante la permanenza in casa.

MADE chiede ai propri iscritti di cosa hanno bisogno

Questo periodo di quarantena ha visto online diversi settori crescere a dismisura (food, strumenti di produttività online, web site di video per allenarsi in casa, etc.) mentre altri settori hanno accusato duramente il colpo. Quando il nostro brand riduce drasticamente le vendite cosa dovremmo fare? Fare finta di niente e continuare con la strategia precedentemente pianificata?

Se ad esempio il nostro marchio sta facendo fatica a capire cosa dire e come dirlo, sicuramente bisogna dare un’occhiata a questo potente esempio dell’azienda di mobili di design MADE.

Attraverso questa newsletter hanno voluto assicurarsi di fornire informazioni utili e pertinenti agli iscritti alla newsletter di agire come al solito.  Per questo si sono resi conto che nel periodo della quarantena tutti trascorrono un po’ più di tempo a casa del normale e questo ci fa pensare in modo diverso a come è organizzato il nostro ufficio o la nostra casa e a cosa ci fa sentire a nostro agio.

LEGGI ANCHE: 4 modi per usare al meglio Messenger Rooms per il tuo marketing

Tenendo presente ciò, MADE ha deciso di chiedere direttamente agli abbonati cosa sarebbe stato utile per loro e le loro famiglie.

Cosa possiamo imparare da questa mail: ascoltare il nostro pubblico e capire quali contenuti sono in linea con loro è uno degli aspetti più cruciali del marketing, ed è ancora più importante in tempi di crisi. Non bisogna avere paura di chiedere ai nostri iscritti un feedback su ciò che vorrebbero sentire da noi, rispondendo alle nostre email, compilando un sondaggio, condividendo le loro opinioni sui social o qualsiasi altro canale di feedback che può essere appropriato.

Questi semplici esempi ci dimostrano come le newsletter non debbano essere solo uno strumento transazionale, anzi poiché rappresentano il contatto più diretto con i nostri utenti dovremmo sforzarci di creare messaggi quanto più empatici, diretti, emozionali possibili. In questo modo le nostre comunicazioni tramite email assumeranno più valore e non finiranno nel cestino.

Source: marketing

× How can I help you?