Mai come adesso c’è bisogno di persone in grado di cambiare

Durante la terza edizione della Milano Digital Week in versione completamente online, abbiamo seguito gli appuntamenti di IAB all’interno del palinsesto di oltre 500 eventi, panel, webinar e lectio magistralis, intorno al tema del confronto aperto e inclusivo sul digitale.

“Game Changers” è stato il titolo degli eventi curati da IAB, nei quali personalità ed esperti hanno dialogato sul topic dell’innovazione in tutte le sue declinazioni, dall’educazione all’energia, fino all’entertainment.

Proprio su quest’ultimo punto abbiamo rivolto alcune domande a Sergio Amati, Direttore General IAB Italia.

Se negli ultimi venti anni abbiamo assistito ad una rivoluzione digitale che ha cambiato il nostro mondo con modalità che non avremmo mai potuto immaginare, ora sta iniziando un nuovo decennio che si presenta come ancor più rivoluzionario, e ne stiamo avendo un primo assaggio.

La crisi che abbiamo vissuto (e ancora stiamo vivendo) ci impone di ripensare il nostro modo di comprendere il mondo e affrontare la sua complessità. Dobbiamo credere nella nostra creatività, nella nostra capacità di resilienza e nel nostro potere di diffondere il cambiamento sia a livello individuale che collettivo.

LEGGI ANCHE: Perché le competenze trasversali sono al cuore dello sviluppo professionale

La sfida di un evento che diventa full digital

Qual è stata la sfida più grande di una edizione completamente digitale, rispetto a un evento che avrebbe dovuto essere live come la Milano Digital Week?

«La Milano Digital Week era prevista agli inizi di marzo e abbiamo dovuto fermare tutto a pochi giorni dalla partenza. È stato uno shock enorme, come tutti ci siamo sentiti persi e senza punti di riferimento. La cosa che mi rende più orgoglioso è stata la nostra capacità di reazione. Ci siamo detti che questa era una grande opportunità per valorizzare il grande patrimonio di contenuti che avevamo raccolto e che costruire una piattaforma full digital avrebbe potuto essere la miglior risposta.

La piattaforma due mesi fa non esisteva e i contenuti erano stati pensati per essere erogati in contesti fisici. Abbiamo lavorato su più fronti: da una parte costruendo un team tecnico che ha progettato sia il sito che l’infrastruttura di erogazione degli eventi live e on demand e dall’altra abbiamo trasformato una redazione e una struttura operativa – pensata per l’offline – in una squadra in grado di gestire la combinazione di contenuti e tecnologia propria di un progetto digitale. Un modo nuovo di lavorare che tutti hanno abbracciato con entusiasmo.

Dall’inizio della Milano Digital Week è attiva una “war room” dove gestiamo in diretta tutti gli eventi. In questa sala operativa sono presenti sia i redattori che i producer, per reagire immediatamente in caso di modifiche all’ultimo minuto.

Oltre 500 eventi online in una settimana ci rendono sicuramente la manifestazione full digital più importante in Italia prima e dopo la crisi del COVID e quindi posso dire che la sfida sia stata vinta».

milano digital week game changers 4milano digital week game changers 4

I Game Changers siamo tutti noi

Chi sono i veri Game Changers oggi e in che modo il loro lavoro può incidere sulle nostre vite?

«A marzo noi di IAB avevamo pensato a una conferenza durante la Milano Digital Week che avevamo chiamato “Game Changers”. Abbiamo deciso di mantenere lo stesso nome nell’edizione online perché pensiamo che mai come adesso ci sia bisogno di persone in grado di cambiare, anzi di reinventare le regole del gioco.

Dalle conversazioni con grandi nomi (non cito nessuno perché sono per me tutti importantissimi) sono emersi tantissimi spunti interessanti. La capacità di adattamento e l’agilità sono sicuramente dei tratti comuni a queste persone. Si è parlato molto di “digital divide di seconda generazione” e una delle grandi sfide sarà di portare l’accesso al digitale a fasce di popolazione ancora escluse e di formare le persone all’utilizzo degli strumenti.

Chi vuole cambiare le regole del gioco deve concentrarsi sugli individui, che sono anche clienti, consumatori, dipendenti e collaboratori. Abbiamo parlato molto di come cambia la customer experience: sarà una vera e propria rivoluzione che farà tantissime vittime. Ripensare i canali di comunicazione e relazione, gli spazi fisici e le organizzazioni sarà un’altra grande sfida dei prossimi mesi/anni.

Lasciatemi dire però che i veri “game changers” sono gli 800 ragazzi e ragazze che hanno partecipato agli 8 hackathon dedicati agli Obiettivi Sostenibili delle Nazioni Unite. I giovani vengono spesso criticati per essere “sdraiati” ma io credo che i partecipanti agli hackathon siano uno straordinario esempio di impegno. Abbiamo avuto 120 team che hanno lavorato per 48 ore senza sosta e prodotto idee e progetti su temi come l’economia circolare, la medicina, le smart city, la parità di genere. I giovani hanno un’energia unica ed è nostra responsabilità dare loro le opportunità per poter esprimere il loro potenziale».

LEGGI ANCHE: La realtà virtuale può migliorare il benessere dei detenuti

Come cambia l’entertainment e cosa aspettarci dalla tecnologia

Riguardo all’entertainment, quali sono le regole che probabilmente ci porteremo dietro da questo periodo di emergenza?

«Con Maximo Ibarra, CEO di Sky, abbiamo parlato di come il mondo dell’entertainment si stia trasformando profondamente. La dimensione fisica e quella digitale, anche a causa della crisi sanitaria, si sono profondamente combinate e le persone si sono abituate a fruire di contenuti in modalità differenti.

Il grande salto che ci ha fatto fare il COVID a mio parere è stato di rendere concrete cose che prima erano solo keyword. Ad esempio, la parola “phygital” che ci è stata propinata per anni da società di consulenza ora diventa tangibile. La combinazione fisico / digitale è ora parte della nostra esperienza quotidiana e chi si occupa di entertainment dovrà adattare sistemi, contenuti, processi per migliorare sempre più questa esperienza. Lo sport ad esempio, dove il distanziamento sociale avrà un impatto fortissimo, dovrà trovare sistemi per far vivere da casa o da mobile una esperienza sempre più intensa. Siamo solo all’inizio di questo processo di trasformazione e sono sicuro che vedremo enormi innovazioni in questo campo».

milano digital week game changers 2milano digital week game changers 2

E a livello tecnologico, avremo delle vere innovazioni nel prossimo futuro o dobbiamo immaginare più uno sviluppo delle tecnologie che già in qualche modo conosciamo, come robot, realtà virtuale e intelligenza artificiale?

«Robotica, VR e AI sono tecnologie su cui si sviluppano le innovazioni. Io penso che queste tre tecnologie continueranno inevitabilmente a crescere e a combinarsi, con robot che saranno “alimentati” da motori di intelligenza artificiale e conterranno strumenti di realtà virtuale o aumentata. Le applicazioni in ambiti come il risparmio energetico, la mobilità smart, la sicurezza informatica saranno infinite.

Pensando alla tecnologia però mi viene in mente un passo della conversazione che, dentro “IAB Game Changers”, abbiamo realizzato tra Corrado Passera e Roberto Cingolani. Roberto ha raccontato di aver portato una volta un bambino in visita all’Istituto Italiano di Tecnologia e di avergli mostrato con orgoglio vari robot umanoidi. Il bambino non aveva mostrato grande stupore di fronte a questi oggetti, mentre invece era rimasto estasiato di fronte ad un “robot centauro” che rappresentava per lui qualcosa che veramente non aveva mai visto.

Questo per me rappresenta bene la nostra grande sfida: non copiare un organismo quasi perfetto come l’uomo, che non riuscirà mai ad essere riprodotto in modo migliorativo, ma usare la creatività per inventare cose nuove, magari facendo errori ma puntando sempre a nuovi traguardi di innovazione. La capacità dei giovani di pensare fuori dagli schemi è il migliore strumento per fare vera innovazione.

Sempre durante “IAB Game Changers” abbiamo fatto parlare persone appartenenti a generazioni diverse. Mettersi in gioco e accettare il confronto con i giovani deve essere a mio parere un punto fermo per chi guida una grande azienda, una amministrazione pubblica o qualsiasi altra organizzazione. I giovani sanno usare la tecnologia per esprimere meglio la propria creatività e non la vedono come una minaccia ma come una naturale estensione della loro vita».

Source: marketing

× How can I help you?