8 best practice per piccoli business che vogliono convertire su Twitter

  • Secondo Twitter, il 53% dei suoi utenti ha maggiori probabilità di essere tra i primi acquirenti di nuovi prodotti.
  • Utilizzare queste 8 best practice può aiutare le piccole imprese a connettersi con il proprio pubblico, aumentare il seguito e la brand awareness e, in definitiva, a convertire su Twitter.

 

Tra tutti i social network, Twitter è quello più portentoso. I post sono brevi, la piattaforma è veloce e probabilmente è quella con l’algoritmo più semplice di tutte.

Il suo utilizzo di nicchia ben si sposa con cause come la politica, gli eventi, il giornalismo e gli affari, facendolo risultare tra le piattaforme più complesse da padroneggiare e da implementare a livello strategico.

Ma a quanto pare è proprio questo aspetto a renderlo sfidante per le aziende, specie per quelle più piccole.

Per queste realtà, l’investimento in Twitter Ads ben strutturate sarebbe particolarmente efficace per la loro crescita e performante per il tasso di conversione.

Vediamo come.

LEGGI ANCHE: Twitter ci ha spiegato come i brand hanno usato i social media durante l’emergenza

Twitter Ads per piccoli business

Facebook, Instagram o LinkedIn. Pinterest, Tik Tok o Youtube. Ciascuno di questi social può fare la differenza per un business.

Ma le Ads su Twitter meritano un occhio di riguardo da parte di tutte le piccole imprese che vogliono far crescere i propri affari.

Perciò, se rientri in questa categoria segna queste 8 best practice per strutturare al meglio le campagne pubblicitarie su Twitter nei prossimi mesi.

  1. Stabilire gli obiettivi

Che sia su Twitter o su altre piattaforme qualsiasi strategia di social media marketing che si rispetti ha come base di partenza la definizione degli obiettivi necessaria a creare contenuti coerenti alla brand identity.

I principali sono:

  • Aumento del traffico sul sito;
  • Aumento della brand awareness;
  • Analisi del sentiment, utile a conoscere cosa pensa il pubblico del brand;
  • Ottimizzare le conversioni, tracciando le vendite provenienti dai follower attivi della pagina;
  • Migliorare l’assistenza clienti fornendo tempi di risposta migliori direttamente sul canale.
  1. Ottimizzare il profilo

Una pratica spesso sottovalutata che può creare una forte connessione tra la tua impresa e i potenziali clienti se curata nel dettaglio.

Per procedere occorrerà fare attenzione a questi semplici accorgimenti:

  • Il nome utente, meglio se identico a quello dell’attività;
  • Ottimizzazione della bio, con una struttura che chiarisca cosa fai e per chi, quale problema risolvi e in che modo.

Per il nome utente, meglio evitare l’inserimento di numeri o altri caratteri speciali per renderlo unico: sarebbero fuorvianti per chi ti cerca.

  1. Scegliere gli hashtag giusti

Scegliere gli hashtag giusti significa selezionare quelli rilevanti e pertinenti per il tuo settore. Includere questa procedura nella realizzazione delle Twitter Ads aiuta a rafforzare le campagne e ad ottenere dati interessanti su cui lavorare.

LEGGI ANCHE: I migliori tool per individuare gli hashtag

  1. Creare contenuti di qualità

Per realizzare un contenuto di qualità non necessariamente occorre auto-produrlo.

Grazie alla presenza del retweet, la content strategy su Twitter può risultare sempre ricca di spunti interessanti: ricondividere articoli utili di terze parti, retwittare feedback positivi dei clienti oltre ai contenuti programmati è una soluzione originale per rafforzare la presenza del brand sulla piattaforma e creare connessioni con il pubblico di riferimento.

Ma attenzione a non abusare di questa pratica se non si vuole ottenere l’effetto contrario a livello di brand identity e a restare fedeli agli interessi reali del target.

  1. Realizzare sondaggi

Uno strumento decisamente strategico se utilizzato nel modo giusto, che vuol dire strutturato per:

  • conoscere meglio le abitudini del pubblico a cui ti rivolgi;
  • capire il loro punto di vista.

Facendo leva sugli argomenti di tendenza purché siano attinenti al tuo settore.

  1. Utilizzare CTA che convertono

Fondamentali per supportare le campagne di advertising, ma è bene valutare quelle che convertono di più su Twitter per incentivare all’azione.

Condurre una social audit potrebbe essere una soluzione.

  1. Pianificare i post

Sapere cosa pubblicare e quando sono due fattori imprescindibili per una pianificazione ad hoc dei post. Il passaggio successivo è scegliere a quale tool affidarsi per snellire il flusso.

LEGGI ANCHE: Tutti i tool gratuiti e low cost di cui non puoi fare a meno per lavorare sui social

C’è da dire, inoltre, che Twitter è l’ideale se il real time marketing fa parte della strategia di comunicazione: un tweet in tempo reale sull’argomento di tendenza nel settore renderà la pianificazione sicuramente più accattivante.

  1. Analizzare le prestazioni

Senza numeri nessuna strategia dei contenuti ha senso di esistere.

Analizzare i tweet peggiori o migliori del profilo può aiutare un piccolo business a identificare che tipo di contenuto è apprezzato di più e su quale è bene puntare per una content strategy su Twitter più performante.

Piattaforme come Sprout Social permettono di ottenere informazioni dettagliate sulle prestazioni delle campagne di marketing su Twitter, grazie a report, assistenza clienti, analisi della concorrenza e altro ancora previsti per chi utilizza questo tool.

E ora?

hastag su twitter per piccole impresehastag su twitter per piccole imprese

Convertire su Twitter

Seguire queste otto best practice per un piccolo business può rivelarsi vantaggioso in termini di crescita.

D’altronde, è lo stesso Twitter a riportare che il 53% degli utenti attivi su questa piattaforma ha maggiori probabilità di convertirsi in cliente. Perciò vale la pena puntare su questo canale social.

A patto che sia in linea con gli obiettivi che si vogliono raggiungere e la coerenza della brand identity.

Source: marketing

× How can I help you?